E’ arrivata finalmente la primavera e con i primi caldi il desiderio irrefrenabile di … jeans.

Esiste un motivo per cui non buttiamo mai via i nostri vecchi jeans e li teniamo gelosamente custoditi nel nostro armadio. C’è dell’affetto verso il denim, verso i lavaggi e le colorazioni differenti che lo caratterizzano; verso le vestibilità che nel corso degli anni si sono avvicendate e che sono sempre diventate iconiche. Sarà quell’aria di vissuto, sarà che siamo tutti un po’ romantici, perché non c’è nulla che sia più vintage e senza tempo del jeans.
Anni ’50
L’icona del momento era Marilyn Monroe e gli abiti del momento rispecchiavano le sue forme del corpo.
Mi viene subito in mente un’immagine del film “gli spostati” nel quale indossava con sensuale noncuranza jeans a vita alta e camicia bianca.
Anni ’60
Il denim era l’uniforme di attivisti del movimento per i diritti civili e i ribelli. Il patchwork, la pittura e il ricamo hanno fatto la loro prima apparizione su pantaloni, salopette e altro.
Anni ’70
Sono stati illuminati dal bagliore di icone come Jane Birkin, Farrah Fawcett e la cantante Debbie Harry (in arte Blondie) che indossavano jeans a vita alta, aderenti e scampanati sul fondo.
Anni ’80
I jeans firmati diventarono un vero e proprio status symbol ed erano tassativamente con la gamba e il fondo stretto.
A quale di questi memorabili decenni ci ispireremo questa primavera?
Innanzitutto la cosa certa è che i giorni della vita super bassa ci hanno lasciato definitivamente, ora il pendolo oscilla verso l’alto e quei centimetri in più che acquistiamo in vita enfatizzano la femminilità, pochi centimetri in più, a quanto pare, contengono un sacco di “style power”.
Il concept più amato questa primavera è blue denim, slavato o tagliato a vivo, l’importante è che sia da vero “animo hippie”.
Il riferimento di stile è sicuramente Jane Birkin, quindi assisteremo ad una splendida parata di jeans anni ’70.
Memorizzate gli spunti fondamentali per la reinterpretazione di capi vintage: stile retrò, vita alta, zampa d’elefante, tasche applicate, bottoni evidenti, orlo dei pantaloni che copre appena le scarpe, sia che indossiate un sandalo piatto o il tacco alto.
Vi Presento la mia guida per padroneggiare la nuova stagione in denim, con qualche indicazione qualora il vostro armadio fosse sprovvisto di modelli storicamente seventies.
Jane Birkin
Hudson
seventies revival
Rag&Bone
seventies revival
seventies revival
McGuire
seventies revival
seventies revival
Victoria Beckam
seventies revival
Zara
seventies revival
Zara – Marc Jacobs
seventies revival
Zara
seventies revival
Come si dice, nella moda, alcune cose cambiano, alcune rimangono le stesse, ora sta a voi interpretarle e giocarci un po’.
Ah dimenticavo…almeno cinque giorni della settimana verranno spesi in denim.
Buon divertimento!

Cris (VeryCris)

Hudson Jeans
Zara
Victoria Beckam
Marc Jacobs
McGuire
Rag&Bone

1 Comment on Jeans … seventies revival

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *