Registrati
Categoria

News

La moda del Knitting diventa chic e l’Hand Made fa stile

Lo charme del caldo e morbido abbraccio che solo la lana può regalare, è un irrinunciabile piacere, se poi è cool e fa tendenza diventa impossibile farne a meno.

pettorina-moda-dhg-2
La regola è esagerare. No alle vie di mezzo, infatti l’interpretazione più trendy di questa tendenza è quella dei volumi esagerati, leggeri e morbidi che donano un effetto unico.
Il filato Piuma di DHG , pregiato, leggero e soffice è ideale per queste mood e mi ha ispirato.
La maxi sciarpa è di moda, un grande classico che non è mai stato più cool di così.

Torna a sovrapporsi a maglioni caldi, abiti eleganti, completi formali, perfetta con cappotti, abiti da sera e camicie, è la compagnia ideale che arricchisce con semplicità ogni look.
E se sciarpa deve essere, che sia veramente oversize, lavorata a ferri con il filato Piuma, che la rende pregiata, leggera, morbidissima e avvolgente, perché maxi non deve voler dire pesante.
Ho creato per Voi una sciarpa-pettorina originale, rivisitata e reinterpretata secondo le ultime tendenze, di effetto ma di semplice e veloce da realizzare…

I have always loved to knit. My grandma taught me how, and getting back into it it has been like riding a bike: I have never stopped ever since!For me, it’s been an immense pleasure to see how in the past few years hand knitting has become chic and how hand-made has become a signature style. Then I happily happened upon DHG and Merino wool… oh, the warm, soft embrace which only wool can offer is a pleasure that cannot be denied! If it is also cool and trendy, then it’s simply impossible to do without it.
pettorina-moda-dhg-1
pettorina-moda-DHG-4
pettorina-moda-DHG-3
…seguite le semplici istruzioni e i video tutorial:
FILATO PIUMA E VOLUMI ESAGERATI: LA MAXI SCIARPA DI VERYCRIS
PLUME YARN AND OVER-THE-TOP VOLUME: VERYCRIS’S MAXI-SCARF
a prestissimo con la prossima proposta…seguitemi.
Cris (VeryCris)

PH: Agnese Morganti
PH Stylist: Silvia B. Bagni

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Il progetto Knitting per DHG…la lana intorno al cuore

Il sogno di qualsiasi designer è avere a disposizione materiali pregiati e libertà creativa, per trasformare le tendenze in progetto.

Ogni progetto, ogni stagione, ogni collezione è un nuovo viaggio e come in tutti
viaggi, le emozioni contano.
La collaborazione con DHG, giovane e intraprendente azienda pratese che coniuga
brillantemente artigianato e industria, mi ha permesso di cogliere ogni giorno nuovi
stimoli, confrontandomi con un progetto che si è trasformato in laboratorio creativo.
Ho potuto esprimere liberamente la mia identità, la forza del Made in Italy con
i valori artigianali che più ci caratterizzano e che mi stanno molto a cuore.

Fare tesoro delle mie precedenti esperienze, con l’utilizzo inedito dei materiali pregiati di DHG, creare suggestioni che diventassero masterclass online su come realizzare in modo semplice le mie creazioni, tutto ciò è stato per me l’opportunità di trasmettere emozioni, senza perdere il contatto con la realtà, con la vita vera delle persone.
E’ un racconto per immagini che durerà quattro mesi, da Gennaio ad Aprile.
Vedrete la fibra di “lana merinos extrafine”, trasformarsi in filato, per poi diventare maglia, tessuto, ricamo, frangia, passamaneria, sperimentando tecniche inedite di lavorazione con una sensibilità moderna e contemporanea.
l tutto alla portata di tutti, tecniche semplici, spiegate e illustrate attraverso video tutorial che vi guideranno passo passo nella realizzazione del vostro capo preferito.
Ecco a voi il Tricot Mood di Gennaio, una elaborazione creativa della più eclettica tra le  materie, con infinite possibilità espressive.
Il filato GIANT, XXL ( titolo NM 100 ), interamente filato a mano, utilizzando il “tops merinos extrafine” di DHG, è stata la mia prima scommessa, ma devo essere sincera, la bellezza, la sofficità e la leggerezza di questa materia, ha reso tutto molto semplice facendo esplodere la creatività, attingendo ad una tecnica artigianale antica.
Romantic or Rock?
Il maxi cardigan total black, hand-made, dalla trama in lavorazione macramé, ricercato, esagerato, ovattato, elegantissimo dall’anima rock e molto trendy è il capo ideale per uno stile grintoso.
progetto knitting-cris-pedrotti-for-dhg-1
progetto knitting-cris-pedrotti-for-dhg-1
progetto knitting-cris-pedrotti-for-dhg-1
progetto knitting-cris-pedrotti-for-dhg-1
progetto knitting-cris-pedrotti-for-dhg-1
Ovviamente se la vostra anima fosse più romantica, non dovrete fare altro che passare dal total black al total white, scegliendo il filato GIANT in colore bianco e l’effetto sarà raggiunto.
E per le più ironiche e spiritose un originalissimo e morbidissimo cappello oversize, divertente e un po’ shaggy…
E per le più ironiche e spiritose un originalissimo e morbidissimo cappello oversize, divertente e un po' shaggy...
progetto knitting-cris-pedrotti-for-dhg-7
Facili da riprodurre, stupendi da indossare, un mood che è soprattutto emozione…
L’ABC del tricot parte da qui… cliccate il link...
Giant Knitting secondo Cris Pedrotti
Per qualsiasi specifica mi trovate a Vostra disposizione…scrivetemi

Al prossimo progetto…seguitemi.
Cris (VeryCris)

PH: Agnese Morganti
PH Stylist: Silvia B. Bagni

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

stato d’animo … mood * VeryCris 2016

mood veryCris 2016
La felicità viene prima! Sarà il mio mood del 2016.
Gli ultimi giorni dell’anno ho speso un sacco di tempo a pensare a ciò che è importante per me.
Il 2015 è stato un buon anno e sono veramente grata per le conferme che ho avuto, ma so che è stato solo il punto di partenza.

Il tempo è prezioso, si sa e quindi niente sprechi, lo spenderò tutto con le persone che amo e sulle cose che sono importanti per me.
Sembra sempre ovvio dire di fare le cose che ci rendono felici, ma è anche vero che le cose ovvie sono le prime ad essere dimenticate.

Per me essere felice ed avere una vita saporita significa amare e lavorare sui miei progetti.

Ora,che è appena cominciato il 2016 sto organizzando la mie prossime mosse, che traendo il meglio di ciò che è stato, si proiettano in modo eccitante in avanti, di lato, sopra, sotto … ma non indietro, indietro non si torna!
Meraviglioso, la voglia di riuscire rimanendo me stessa è il mio carburante, la mia spinta, il mio trampolino.
Finalmente sono in grado di mettere tutta la mia energia e la cura nella creazione della mia linea VeryCris, nella realizzazione del mio Show Room e passo dopo passo costruire ciò che ho sempre desiderato.
La mia seconda collezione sarà ancora più rappresentativa di ciò che voglio davvero creare, del mio stile e della mia visione, senza compromessi andrò dritta al punto e quindi…” ensamble di seta “ è la mia ispirazione, sto già cominciando a sviluppare i primi campioni.
L’esclusività del pezzo unico, handmade, creativo, elegante e raffinato, il mio timbro.
Essere più bella è un altro dei miei obiettivi e quando si tratta di “vera bellezza” tutti lo sanno che viene da dentro.

La fiducia in noi stessi e come ci sentiamo si manifesta chiaramente attraverso la nostra energia e il linguaggio del corpo.
Con il sorriso sul volto si è immediatamente più belli, è un cliché, ma è vero!

Il mio mood 2016?
Sorridere e ridere più spesso…vestita e vestendovi di seta ovviamente!
Auguro a tutti un meraviglioso e raggiante stado d’animo!

Cris ( VeryCris )

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

It’s snowing wool …VeryCris at work

It’s snowing wool ❄️❄️❄️ nevica #lana! having fun with @cris_verycris on set for @dhgshop #cool #textile #diy #pompom #funny #onassignment #lovemyjob #happy #madeinitaly #madeinprato #prato #tuscany #neve #blackandwhite #white #wow #craft #crafty #happy #handmade #yarn #yarnlove.

 

Lavorare e divertirsi… che vuoi di più dalla vita =)  presso DHG
‎fashionphotography‬ by Agnese Morganti –  VeryCris per DHG Dyeing House Gallery
Cris (VeryCris)

 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

work in progress…wool passion

Work in progress on the next GIANT thing with Cris Pedrotti – Verycris for DHG Dyeinghousegallery ‪#‎knitting‬ ‪#‎tricot‬ ‪#‎fashion‬ ‪#‎DIY‬ ‪#‎madeinitaly‬ ‪#‎handmade‬ ‪#‎wool‬ ‪#‎spinning‬ ‪#‎video‬ ‪#‎tutorial‬ ‪#‎cool‬ ‪#‎design‬ ‪#‎backstage‬ ‪#‎onassignment‬ ‪#‎wow‬ ‪#‎yarn‬ ‪#‎project‬ ‪#‎lana‬ ‪#‎moda‬ ‪#‎editorial‬ ‪#‎fashionphotography‬ Silvia B. Ba, Agnese Morganti, Gaia Gualtieri.
VeryCris per DHG Dyeing House Gallery

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

VeryCris – Winter Collection 2015/2016

“L’autoproduzione è la sfida che mi intriga maggiormente, perché mi permette di seguire e decidere in prima persona tutti gli aspetti del progetto “

Lascio che i tessuti mi parlino…ed è da loro che parte la prima idea…che poi si sviluppa e si arricchisce di personalità.
Tutti gli abiti della collection sono realizzati con le stoffe più autentiche, frutto di una personalissima ricerca, rigorosamente pregiati per creare lavorazioni ad intarsio, cuciture sartoriali o ricami che rendono ogni capo prezioso ed assolutamente, irripetibile.
Volumi morbidi, in un perfetta armonia tra forma e decoro, tra morbidezza e ricchezza dei particolari.
Mi piace riscoprire dettagli che ci riportano al passato e che, inseriti nel presente, donano quel non so che di particolare, di affascinante che colpisce.
Ogni creazione avrà il nome di una donna… sarà unica e irripetibile, come la donna che sceglierà di indossarla.

“Lo stile è l’abito dei pensieri”…
“Brigitte”
VeyCris Collection
…non ha idoli e recita il suo personale ruolo nel mondo della moda.
Indossa lo stile couture con naturalezza, elevando lo street style allo stato di glamour, ama circondarsi di cose belle, senza aspettare la grande occasione.
Segue l’arte di vivere bene ogni giorno, sa essere elegante ma senza eccessi, sensuale ma senza fronzoli, rock e mai borgese.
Perché la vera bellezza esiste ed esistono donne capaci di affascinare più di altre in modo esclusivo e unico.
VeyCris Collection
VeyCris Collection
VeyCris Collection

“Brigitte” è una taglia M in raffinata lavorazione jaquard di viscosa e lana…
VeryCris Store

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

grazie…da VeryCris

Grazie da VeryCris

La ‪‎stagione‬ è sul finire e tirando le somme mi sento di ‪‎ringraziare‬ tutti i‪ ‎visitatori‬ del mio ‪‎beachstore‬ per i ‪‎complimenti‬ , le bellissime ‪‎clienti ‬per gli ‪‎acquisti‬ che hanno decretato il ‪‎successo‬ della mia ‪‎linea‬‪ ‎VeryCris‬. ‪Un ‎grazie al ‪‎Maklas,‬ l’ ‎incantevole‬ e ‪‎raffinata‬ ‪‎location‬ che mi ha ospitato per tutta l’estate, in particolare a Massimo e a tutte le splendide persone che ci lavorano, alla Sardegna‬ con e sue immense bellezze che hanno ispirato la mia ‪collezione‬, al mio compagno Diego per il sostegno prezioso e incondizionato e a Sabrina che mi ha sopportato durante la preparazione della collezione…e seguitemi sono già in fermento per la  prossima collezione invernale…

grazie
grazie da Verycris
double-dresses--grazie da VeryCris
grazie da VeryCris
grazie da VeryCris

grazie da VeryCrisGrazie di cuore…

Cris – VeryCris

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Il mare, la sabbia, il tramonto…free spirit VeryCris

L’incontro fortunato: VeryCris beachstore…e Maklas

Eccomi finalmente a scrivere l’articolo più difficile, quello su di me!
Dopo anni di creatività al servizio di altri, ecco l’incontro fortunato con Massimo Ferrara che mi ha dato l’opportunità di realizzare ciò che avevo da sempre sognato e progettato: la mia linea mare VeryCris.
Qui, senza filtri, c’è il mio stile in una meravigliosa location in Sardegna: il Maklas che è la fonte della mia ispirazione con le sue delicate nuances sabbia, con tocchi di azzurro polvere, turchese, rosa pastello e oro, in un’estetica raffinata ed esclusiva.
In questo scenario da sogno ho allestito il mio “beach-store” e in armonia con l’ambiente ho utilizzato solo materiali portati dal mare, tele e corde nautiche e mi sono appoggiata direttamente sulla sabbia, come camminare scalza…molto VeryCris!
store VeryCris linea
store-VeryCris
Amo l’eleganza easy, la delicatezza e l’ironia, sono una curiosa per natura ed un’esploratrice di tecniche e lavorazioni e mi piace esprimere un pensiero preciso.
Il mio “free spirit” estroverso e sorridente non poteva che trovare negli anni ’70 gli stimoli giusti per creare capi semplici ma ricercati.
Stampe fatte a mano con tecniche originali, mischie di colori dai riflessi cangianti del sole e del mare con effetti di luce oro e argento, silhouette volutamente sfuocate, volumi leggeri, ampie e leggerissime tuniche sovrapposte a linee asciutte per creazioni personali però interpretabili in totale libertà, tessuti leggeri, trasparenti ed impalpabili come soffi di brezza, per una sensualità spontanea ed istintiva, per uno stile di vita easy, free time,nostalgicamente hippie chic.
abito-gioiello-Verycris linea mare
completo-vintage-VeryCris linea mare
abito-monospalla-VeryCris linea mare
pantaloni-pareo-VeryCris linea mare
camicietta-copricostume-VeryCris linea mare
pant-paint-Verycris linea mare
abito-chimono-Verycris linea mare
print-dresses VeryCris linea mare
borsa-VeryCris linea mare
Ma le mie delicate estroversioni non finiscono qui e così assecondando la mia “t-shirt passion” ho completato la collezione con una linea t-shirt hippie, perchè un po’ “folies” è meglio.
In uno stile “emozionale”, da aperitivo in riva al mare, la collezione fatta tutta di pezzi unici ed esclusivi ha riscosso da subito un sorprendente successo e quindi qui ringrazio tutte quelle uniche e meravigliose donne che hanno scelto le mie creazioni e amano il mio stile.
t-shirt-VeryCris linea mare
t-shirt VeryCris linea mare
Fino a fine agosto mi troverete al Maklas ma da fine settembre in poi sarò anche on line sul mio blog con la mia linea invernale…questo è solo l’inizio.
Le condivisioni, i mi piace e i commenti a questo articolo sono altamente graditi…a presto!

Cris (VeryCris)

per info: cris@fashionblognotes.com

Maklas: http://www.maklas.it/it/

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Umbri Pro Jazz…la fucina dei nuovi progetti

Umbri Pro Jazz è la rassegna che s’inaugurerà il 4 giugno 2015 al Teatro Franco Bicini con la direzione artistica del Mo. Diego Ruvidotti, dopo i primi quattro concerti di giugno, riprenderà ad ottobre e accompagnerà la stagione teatrale.

cartolina rassegna Umbri Pro Jazz
La rassegna vuole offrire al pubblico perugino l’opportunità di conoscere e apprezzare le
progettualità del jazz umbro, prima ancora che migrino verso i palchi di tutta Italia.
L’Umbria è ricca di tradizione, di cultura musicale e di creatività: fioriscono ovunque validi
progetti con caratteristiche stilistiche diverse, dalla rivisitazione originale della tradizione
alla pura innovazione.
Qualcuno potrà dire che non c’è nulla di nuovo nel proporre il jazz a Perugia ma ciò che
caratterizza Umbri Pro Jazz è l’obiettivo di diventare una vetrina permanente, attiva tutto
l’anno, una rampa di lancio dedicata ai qualificati musicisti umbri che, attraverso le loro
proposte, dimostreranno di avere una sincera ricerca alle spalle e una forte volontà
comunicativa.
Il Jazz è innanzitutto un linguaggio universale, patrimonio dell’Umanità, come sancito
dall’Unesco e intrinsecamente è un comunicare sincero: “ I musicisti jazz improvvisano
sotto l’inesorabile pressione del tempo, perciò quello che hanno dentro esce puro.
E’ come quando devi rispondere subito ad una domanda, senza avere il tempo di
accampare una bugia credibile. Il primo pensiero è di solito la verità” (Wynton Marsalis).
Le caratteristiche del Teatro Franco Bicini sono perfette per garantire al pubblico la giusta
qualità dell’ascolto, per creare la giusta empatia, quella magia della musica che consente
di condividere le emozioni.
teatrobb
Questa iniziativa culturale, completamente autogestita e autofinanziata, nasce dalla
volontà e dalla sinergia di Mariella Chiarini e Diego Ruvidotti i quali, in sintonia con lo
spirito dinamico di Franco Bicini a cui il Teatro è dedicato, non rinunciano a credere nello
sviluppo della Cultura, della Ricerca, della Sensibilità artistica, della Curiosità, della
Partecipazione.
Programma rassegna:
Giovedì 4 giugno DREAM MACHINE 4.et

Giovedì 11 giugno SAXOPEDIA

Venerdì 19 giugno FRAME QUARTET

Venerdì 26 giugno AGNIFILI/ D’ISANTO/PARIS TRIO

Non mancate all’appuntamento con il Jazz …
Info e prenotazioni:
075.5726047 – 333.3879119

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Jeans … seventies revival

E’ arrivata finalmente la primavera e con i primi caldi il desiderio irrefrenabile di … jeans.

Esiste un motivo per cui non buttiamo mai via i nostri vecchi jeans e li teniamo gelosamente custoditi nel nostro armadio. C’è dell’affetto verso il denim, verso i lavaggi e le colorazioni differenti che lo caratterizzano; verso le vestibilità che nel corso degli anni si sono avvicendate e che sono sempre diventate iconiche. Sarà quell’aria di vissuto, sarà che siamo tutti un po’ romantici, perché non c’è nulla che sia più vintage e senza tempo del jeans.
Anni ’50
L’icona del momento era Marilyn Monroe e gli abiti del momento rispecchiavano le sue forme del corpo.
Mi viene subito in mente un’immagine del film “gli spostati” nel quale indossava con sensuale noncuranza jeans a vita alta e camicia bianca.
Anni ’60
Il denim era l’uniforme di attivisti del movimento per i diritti civili e i ribelli. Il patchwork, la pittura e il ricamo hanno fatto la loro prima apparizione su pantaloni, salopette e altro.
Anni ’70
Sono stati illuminati dal bagliore di icone come Jane Birkin, Farrah Fawcett e la cantante Debbie Harry (in arte Blondie) che indossavano jeans a vita alta, aderenti e scampanati sul fondo.
Anni ’80
I jeans firmati diventarono un vero e proprio status symbol ed erano tassativamente con la gamba e il fondo stretto.
A quale di questi memorabili decenni ci ispireremo questa primavera?
Innanzitutto la cosa certa è che i giorni della vita super bassa ci hanno lasciato definitivamente, ora il pendolo oscilla verso l’alto e quei centimetri in più che acquistiamo in vita enfatizzano la femminilità, pochi centimetri in più, a quanto pare, contengono un sacco di “style power”.
Il concept più amato questa primavera è blue denim, slavato o tagliato a vivo, l’importante è che sia da vero “animo hippie”.
Il riferimento di stile è sicuramente Jane Birkin, quindi assisteremo ad una splendida parata di jeans anni ’70.
Memorizzate gli spunti fondamentali per la reinterpretazione di capi vintage: stile retrò, vita alta, zampa d’elefante, tasche applicate, bottoni evidenti, orlo dei pantaloni che copre appena le scarpe, sia che indossiate un sandalo piatto o il tacco alto.
Vi Presento la mia guida per padroneggiare la nuova stagione in denim, con qualche indicazione qualora il vostro armadio fosse sprovvisto di modelli storicamente seventies.
Jane Birkin
Hudson
seventies revival
Rag&Bone
seventies revival
seventies revival
McGuire
seventies revival
seventies revival
Victoria Beckam
seventies revival
Zara
seventies revival
Zara – Marc Jacobs
seventies revival
Zara
seventies revival
Come si dice, nella moda, alcune cose cambiano, alcune rimangono le stesse, ora sta a voi interpretarle e giocarci un po’.
Ah dimenticavo…almeno cinque giorni della settimana verranno spesi in denim.
Buon divertimento!

Cris (VeryCris)

Hudson Jeans
Zara
Victoria Beckam
Marc Jacobs
McGuire
Rag&Bone

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

La bellezza del tempo…Ingmari Lamy

“Voglio ispirare le donne, giovani e meno giovani, a conoscere la loro vera bellezza interiore e la forza. Voglio che sappiano che la loro bellezza è sempre lì ogni momento. Sempre presente.”

Ingmari Lamy...la bellezza del tempo
La svedese Ingmari Lamy, icona della moda e modella, durante gli anni ’60 e ’70 ha abbellito le copertine di diverse riviste patinate internazionali e negli ultimi anni, dopo essere stata riscoperta dal fotografo Magnus Reed, ha sfilato di nuovo in passerella per John Galliano, Yohji Yamamoto, Kenzo, Martin Margiela e Jean Paul Gaultier.
Per alcuni anni ha rotto radicalmente con il mondo del fashion per fare la mamma. Ha vissuto nella meravigliosa natura sull’isola di Formentera in Spagna, imparando a seguire la voce interiore, praticando yoga, meditazione.
Ora è di nuovo sulla cresta dell’onda più bella che mai, dimostrando che la linea di demarcazione, riguardo all’età per le passerelle è decisamente cancellata.
Un tabù in meno, perché quando si parla di fascino e carisma, l’età non conta.
Ingmari Lamy...la bellezza del tempo
Ingmari Lamy...la bellezza del tempo 4

Ingmari Lamy...la bellezza del tempo
Ingmari Lamy...la bellezza del tempo
Ma che cosa è il fascino?
Tutti vorrebbero averlo, ciascuno ne è attratto ma nessuno lo può definire.
Il fascino è sempre speciale, singolare, personale, è una forza attrattiva, è la rivelazione dell’inconfondibile unicità dell’individuo e della sua storia.
La persona dotata di fascino non comunica solo bellezza, produce emozione, pathos.
Citando i bellissimi versi del poeta inglese John Keats:
                                “la bellezza è la verità, la verità è la bellezza“,
ne traggo che dobbiamo imparare a ribaltare i nostri schemi, dobbiamo smettere di attendere terrorizzati ogni cambiamento dovuto all’età e iniziare a giocare con la bellezza e la “verità” con cui appariamo; con tutti i nostri difetti, il segreto è non solo non dar loro alcuna importanza, ma addirittura accentuarli trasformandoli in un tratto della personalità.
Andando a vedere nel dettaglio il significato della parola bellezza e dei suoi sinonimi si legge: “bellezza significa splendore, eleganza, bello, incanto, pregio, attrattiva, grazia, avvenenza, magnificenza, fascino, armonia, leggiadria.
Il sole rappresenta lo splendore, il sorriso la letizia, l’armonia l’equilibrio…che la bellezza sia una questione di come si vive la vita?

Cris (VeryCris)

Ingmari Lamy blog 

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

gentlewomanly style…comme un garçon

Garçon, mannish, tomboy, boyish, dapper, sono solo alcuni dei termini che definiscono un look androgino e mascolino, composto con capi maschili ma dall’allure femminile e provocante.
In origine è stata ancora una volta lei, Mademoiselle Coco, a trasferire con coraggio e irriverenza, capi del guardaroba da uomo in quello femminile, rivoluzionando così il mondo della moda.
Poi la seguì, negli anni ’60 Yves Saint Laurent, che ha vestito la bellissima Catherine Deneuve con lo smoking, dimostrando così in modo plateale che i fattori dominati dell’eleganza e del fascino sono, senza alcun dubbio, il portamento e la personalità.
L’influenza di icone della moda che hanno fatto dell’ androgynous style il proprio marchio continua ad essere rilevante, oggi come nel passato.
C’è chi ha fatto di questa caratteristica un tratto distintivo del proprio look nella vita, come le ‘affascinanti Katherine Hepburn, Marlene Dietrich e Diane Keaton;
altre invece lo hanno amato solo per alcune apparizioni, rendendolo contemporaneo e moderno, come Tilda Swinton, Charlotte Gaisbourg, Sofia Coppola e Stella McCartney.
Anne Hathaway, per esempio, ha presentato gli Oscar in smoking, riuscendo ad apparire veramente cool e sofisticata.
Senza-titolo-1
Ma quali sono le soluzioni ideali per essere una perfetta gentlewomanly?
Il pantalone é il vero protagonista, ampio o aderente ma dritto e di taglio rigorosamente maschile, con pinces e risvolto, abbinato a gilet, bretelle.
Il blazer invece é il capo chiave che rende sexy, specialmente se abbinato con il gilet o le bretelle.
Per chi vuole osare fino in fondo, può puntare a fiocchi e cravattini e la camicia smoking è il capo “must have” da utilizzare.
camicia
Non dimenticate il cappello da uomo: coppola o borsalino, da portare con ironia o al contrario, con estrema serietà.
Le scarpe saranno preferibilmente basse e stringate ma se non potete rinunciare al tacco 12, mi raccomando solo le punte devono fuoriuscire dai pantaloni.
Essere gentlewomanly è l’occasione perfetta per giocare con l’ambiguità, ricordate la scena di come in 9 settimane ½?
Bene, ora non vi resta che rubare dal guardaroba del vostro “lui“ i pezzi giusti per creare il miglior look boyish e sfoderare la vostra femminilità.
Eccovi alcuni dettagli in perfetto “look boyish” da copiare:
man1
man2
man4
man5
man6
man7
man8
man9
man10
Senza-titolo-2
Senza-titolo-3
Senza-titolo-4
Se l’articolo vi è piaciuto…condividetelo, grazie !

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

the best preview collections #women…*part two { for younger }

Considerata la notevole attenzione rivolta alle pre-collezioni, vi offro una seconda, splendida selezione dedicata ai capi più “young”, portabilissimi anche dalle meno giovani, purchè corredate di due accessori indispensabili: stile e personalità.
Considering the lot of attention to the pre-collections, I offer you a second, fantastic selection dedicated to you get styles. Which can be even worn by not so young ladies. But style and personality must be combined together too.
valentino
red-valentino
vera-wang
see-by-chloe
mulberry
mother-of-pearl
missoni
chloe

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

the best preview collections #women…*part one

Sono lontani i tempi dell’attesa, carica di magia, delle sfilate stagionali due volte l’anno, ora la moda ha dei ritmi veramente frenetici.
Le campagne delle “pre-collezioni” (pre fall), “resort”, “cruise”: nicchie di aticipazioni delle collezioni vere e proprie, sono già uscite.
Sono diventate un vero must e sono passate dalle retrovie alla ribalta.
Ideate per raccogliere i “greatest hit” di un marchio, ne articolano e rafforzano l’identità attraverso capi indispensabili, che nelle collezioni in passerella sovente non trovano spazio se non estremizzati ed enfatizzati.
Personalmente le trovo di particolare interesse, in quanto offrono una distillazione di ciò che i designer stanno progettando per le più importanti e “media-geniche” collezioni.
Queste presentazioni, piccole e più mainstream, sono ovviamente meno spettacolari ma proprio per questo regalano indicazioni immediate su ciò che sarà “portabile”.
Le “cruise” (crociera) o “resort” ,nel dettaglio, sono ideate per chi fa le vacanze fuori stagione, troverete quindi in queste collezioni vestibilità trasversalmente stagionali.
Nell’attesa di godere dello “show” delle sfilate della prossima fashion week, vi propongo la mia selezione delle migliori proposte pre-fall 2015.
alexander-wang-pre-fall-2015
dior
dsquared
gucci-pre-fall-2015
jason-wu
joseph
just-cavalli
piazza-sempione
ralph-lauren
Senza-titolo-1
sharon-wauchob
stella-mccartney
Seguirà nel prossimo articolo una selezione dei capi più belli per un target giovane e disinvolto, seguitemi e come sempre…se vi è piaciuto l’articolo condividetelo.
grazie !

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

the best *men* of london fashion week

Tra le sfilate di Londra ecco i miei “uomini” preferiti…si perchè sempre e comunque cerco una base di tradizione in equilibrio dinamico tra creatività e innovazione.
Burberry Prorsum
burberry-prorsum
In assoluto la mia preferita, la collezione di Christopher Bailey che etichettato “classico Bohemian” unisce la sua visione sartoriale all’abilità con le texture di applicazioni a specchio e stampa leopardo.
Camicie paisley e floreali ispirati da trapunte di Durham (suo paese natio) si drappeggiano in poncho e grandi scialli frangiati.
Il “decorativo e libero” mood di Bailey cela un glamour classico assolutamente irresistibile, grandi e capienti borse unisex, come da tendenza, ne rafforzano la modernità misurata.
Dunhill
dunhill
Il direttore creativo John Ray ha puntato sull’effetto calcolato di portare un’aria di sofisticazione intellettuale con una troupe di modelli occhialuti.
Pantaloni di velluto e giacche in toni classici, lavorazioni spina di pesce per vestire un uomo colto che vive in una metropoli contemporanea.
Un Menswear quindi “affidabile” con l’aggiunta di zaini oversize per dare un senso di utilità senza oscurare l’eleganza delle linee.
L’effetto pigiama, la maglieria peluche con effetto spazzolato e il cappotto alpaca per un look casual, ovvero “casuale” che fa un po’ retrò.
Belstaff
belstaff
Frederik Dyhr, mente del menswear di Belstaff, si lancia in un’atmosfera easy-going di svago e mascolinità con cuoio nero, rosso e bianco, rifinito con finiture di shearling o pelliccia.
L’ispirazione “motociclista raffinato” viene enfatizzata dalla dolcevita bianca e dalle tute in pelle e i cappotti sempre di pelle bianca, interpretano con eleganza la necessità di calore su una strada ventosa.
E. Tautz
e.tauz
Con una collezione prevalentemente grigia, Patrick Grant ci ha presentato con un’ode alle città del Nord.
Giacche corte e blazer, indossati con pantaloni oversize dalla vita alta, cappotti ampi, scarpe intasiate dalle suole rosse.
L’effetto globale mi ha fatto pensare allo stile Cary Grant.
Pringle of Scotland
pringle-of-scotland
Lo “head designer” Massimo Nicosia, si spinge oltre i confini quando si parla di maglieria, trasformandola in pezzi di sartoria. Ha rielaborato in un effetto mimetico, una stampa digitale in 3D realizzandola in maglia con filati di cashmere, ha intarsiato visoni in maglioni a rombi e sciarpe, rendendo tutto molto lussuoso.
Richard James
richard-james
Un poncho in lavorazione spina di pesce bordeaux e viola, ha riunito le culture americane inglesi e nativi con un approccio d’ispirazione etnica.
Abiti classici sartoriali, hanno ricevuto un’iniezione di vitalità attraverso rinforzi di combinazioni di colore fucsia, turchese e rosso sangue.
Braccialetti sfrangiati di tessuto hanno aggiunto un tocco originale a sagome altrimenti convenzionali, scarpe effetto pantofola di lusso, hanno enfatizzato la ricerca di un look giovane. Un mix non banale dal risultato fresco e gradevole.
Joseph
Joseph
Mark Thomas, menswear designer di Joseph, ha espresso uno stile apparentemente rilassato e senza fronzoli.
Interessante la sua interpretazione del cappotto grigio mattino, lasciato con i bordi grezzi, accoppiato con pantaloni della tuta in tessuto tecnico lucido, sostegno alla sua ricerca dei contrasti tra rigido e morbido.
Eleganza urbana, ma non solo, niente male vero?
Voi che ne pensate?

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Le nuove regole del MENSWEAR

La moda maschile si muove graduale e stagione dopo stagione i mutamenti appaiono minimi e calibrati, la somma dei quali però, produce nuovi stili, nuovi modi di agire, di atteggiarsi e quindi di vestire.
Il dialogo tra la moda e lo spirito dei tempi è molto articolato e più composito di quanto si possa pensare.
Il menswear è un repertorio assimilato, fatto di codici, assai lontano dalla larga fascia di possibilità che invece caratterizza la moda femminile.
Agli uomini, molto meno è stato concesso, tuttavia nell’ultimo decennio si è assistito ad un decadimento delle prescrizioni, parallelo all’affermarsi di una nuova vanità maschile, direi finalmente liberata da stereotipi e canoni imposti.
Si è quindi delineato un nuovo “uomo”: consapevole e attento alla moda che stimola la fantasia dei designer, portandoli ad esplorare strade mai percorse e a rileggere il
cosiddetto “formale” alla luce di diverse dinamiche ed esigenze.
Ma come si vestirà l’uomo evoluto de 2015?
Rinnovato successo della giacca aderente, la definitiva e trasversale affermazione del jeans.
Il continuo assottigliarsi della silhouette, materiali iper tecnici e ritrovato ma stravolto classicismo, con spalle attillate, camicia pennellata sul busto, lo sport couture.
Accessori dai mood sofisticati che riflettono una filosofia della moda intelligente e colta, anticipando i mutamenti del gusto tra stile, tecnologia ed ecosostenibilità.
Giacche in pelle dal gusto vintage o minimali, borsoni perfetti per un breve fine settimana, ma non solo.
Colori e fantasie prive di timidezza e non solo per gli accessori.
Sneakers e scarpe classiche rivisitate da materiali e dalle stampe inusuali.
Un vago stile noir, d’ispirazione orientale nelle linee per i più giovani.
pitti1
pitti2
pitti-6
pitti-3
pitti-4
pitti-5
pitti7
pitti9
pitti-8
Senza-titolo-2
pitti-10
Questi sono solo alcuni dei trend respirati durante Pitti Uomo 87, per un uomo vanitoso, esigente e in possesso di grande gusto, capace di mischiare colpi di follia e tradizione.

Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Cris diary…new beginning

cris
“La creazione è la nascita di qualcosa, e “qualcosa” non può venire dal nulla; viene da un’idea, da un sentimento, da un’emozione o dalla combinazione di essi.
La creatività è il desiderio di esprimere noi stessi attraverso il nostro serbatoio di esperienze, sogni, desideri; è sperimentare, mescolare insieme ciò che è stato, ciò che è, e ciò che potrebbe essere …
E’ qualcosa che si evolve, una rinascita, una parte reale di ciò che siamo…la questione è…quanto in profondità siamo disposti ad andare”
Esattamente un anno fa nasceva il mio blog, un esperimento?
Non proprio, una “creazione” per farmi conoscere, offrire le mie competenze e prima di ogni altra cosa la mia visione della moda, il mio gusto, per dare supporto al sito e alla mia attività di Personal Shopper.
Avere un blog significa scrivere per piacere, significa provare soddisfazione ad ogni “mi piace” e quindi giorno per giorno, articolo dopo articolo, anche grazie alla vostra generosa partecipazione e ai vostri “like”, il mio lavoro di blogger si è espanso fino a far nascere in me il desiderio di un cambio di rotta, un’evoluzione, la scelta di dare al blog la parte di unico protagonista.
all-need
Ed eccomi qui su fashionblognotes, sempre io, sempre Cris (VeryCris) con i miei articoli, la mia vision, ma su un blog rinnovato sia nel nome che nella grafica, un block notes del fashion ma non solo, anche musica live, arte e perchè no, tutto ciò che rende bella la vita e scrivere di moda, condividendo con voi tutto ciò rende bella la mia.
Quindi vi prometto che metterò tutto il mio impegno, la mia creatività e la mia passione per rendere i miei pezzi sempre più interessanti e piacevoli e vi ringrazio se continuerete a seguirmi, a darmi i vostri feedback e a condividere i miei contenuti.
Il vostro contributo è fondamentale per la mia crescita e per capire ciò che vi piace di più!

“Creation is the birth of something and something doesn’t come out from anything; it comes from an idea, a feeling, an emotion or a combination of both.
Creativity is the desire to express ourselves through a tank of experiences, dreams and wishes… is to try and mix together present past and maybe future. it’s something growing, a re-birth, the real part of what we really are… the question iss: how deep are we willing to go?”
My blog has been born one year ago, exactly. Was it an experiment? Not really, yet… it has been a ‘creation’ to meet me, share my knowledges, offer my competences, and first of all it has been the way to offer my vision of fashion, my taste, and to give support to my activity of personal shopper.
To have a blog means to write for pleasure, means to feel satisfaction every time you see a ‘like’.
Day after day, an article after another, thanks to your participation and your ‘likes’, my being a blogger produced a desire to me to change completely the way I was following, an emancipation to my blog to become the only single actor.
faux-fur-fashion
And here am I on “fashionblognotes” again. Always me, Cris (VeryCris) with my articles, vision on a brand new blog ( totally renamed and redesigned). A fashion block notes, but not just that. It will deal of live nusic, arts and, why not?, lifestyle and fashion writing, sharing with you all the beautiful things which surround me.
Grazie !
Thank you!
Cris (VeryCris)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]